Falsi dirigenti

Dirigenti decaduti e cancellazione societa’. La CTP di Milano ha precisato che se contestati tali dirigenti e’ onere dell’agenzia provare che fossero “veri” dirigenti

La Commissione Tributaria Provinciale di Milano n. 6619/23/15 del 21 luglio 2015, causa promossa dai nostri Avvocati per un Nostro assistito, conferma l’annullamento sottoscritto da “falsi” dirigenti e precisa: “pertanto gli atti in questione devono ritenersi, allo stato, illegittimamente emessi, e come tali vanno annullati, ai sensi e per gli effetti dell’art. 42 del D.P.R. 600/73, che prescrive, a pena di nullità, la sottoscrizione degli avvisi di accertamento da parte del capo dell’Ufficio o di altro impiegato della carriere direttiva da lui delegato. Il relativo onere probatorio grava sull’Ufficio, che al riguardo non ha fornito i dovuti riscontri sulla legittima sottoscrizione degli atti impositivi”.

Inoltre, la stessa sentenza, “per completezza espositiva” conferma l’illegittimità degli avvisi notificati a società di capitali oramai cancellata dal registro delle imprese.

Per tutti gli iscritti alla nostra newsletter sarà disponibile, gratuitamente, tale sentenza della CTP di Milano.

Articoli Correlati