Falsi dirigentiIn generale sugli atti tributariSenza categoria

Dirigenti decaduti: é nullo l’avviso se l’Agenzia non dimostra che il sottoscrittore è un vincitore di concorso pubblico.

La giurisprudenza di merito non segue la posizione presa dalla Cassazione nelle ultime e famose sentenze e pretende, ancora che l’Agenzia dia prova che la sottoscrizione dell’avviso di accertamento sia stata posta da un dirigente vincitore di concorso pubblico.

Precisamente, la CTP di Reggio Emilia ha ribadito la nullità dell’avviso di accertamento se l’Agenzia delle Entrate, a fronte di contestazione del contribuente, non dimostra, come è suo onere, secondo il principio della prossimità della prova, che il soggetto che ha sottoscritto l’atto impositivo è un dirigente vincitore di concorso pubblico, non essendo sufficiente la mera asserzione che ciò sia avvenuto ed essendo necessaria l’allegazione, da parte del Fisco, della copia del decreto di nomina di tale dirigente (cfr. C.T. P. Reggio Emilia n. 10 del 25 gennaio 2016).

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *