Decreto FiscaleLegge di Stabilitàrottamazione cartelleSenza categoria

Novità sulla rottamazione, approvato emendamento

Vi è l’accorto sulle novità sulla rottamazione cartelle tra il Presidente Commissione Bilancio (On. Boccia) e il Ministro per le Riforme (On. Boschi).

Ci sarà l’allungamento delle cartelle da rottamare, una estensione del periodo di rateazione e un allungamento dei termini per aderire. Inoltre vi sarà una diminuzione del pagamento dell’aggio.

Le novità:

–        Carichi di ruolo o derivati da accertamento esecutivo/avvisi di addebito consegnati a Equitalia dal 01/01/2000 al 31/12/2016 (era fino al 31/12/2015). Proposta approvata ieri (10.11.2016) in Commissione Bilancio.

–        Saranno compresi anche i debiti dei Comuni e delle regioni riscossi con ingiunzione fiscale di pagamento.

–        Pagare in 5 rate (prima erano 4 le rate) con 70% da corrispondere entro il 2017 ed il 30% entro 2018.  Proposta approvata ieri (10.11.2016) in Commissione Bilancio.

–    la data per aderire alla rottamazione cartelle slitta al 31 marzo 2017 (prima era al 22 gennaio 2017). Equitalia comunicherà al contribuente il numero di rate e l’importo entro il 31 maggio 2017 (prima era al 22 aprile 2017). Proposta approvata ieri (10.11.2016) in Commissione Bilancio.

–    Come dichiarato dall’Amministratore delegato di Equitalia (Ernesto Maria Ruffini), in occasione dell’audizione alla Camera del 2 novembre 2016, l’aggio non sarà corrisposto interamente. Tale onere per la riscossione sarà dovuto solo per gli importi da corrispondere a seguito di rottamazione (tributi/contributi e interessi). Non sarà dovuto l’aggio calcolato sulle sanzioni indicate a ruolo.

Tali novità sulla rottamazione sono state approvate ieri (10 novembre 2016) in Commissione Bilancio della Camera.

Indichiamo, quindi, le caratteristiche della rottamazione, con evidenziati in “grassetto” le novità derivanti dall’approvazione dell’Emendamento:

Fattispecie   Condizione Precisazioni
Oggetto rottamazione 1.1.2000 –al 31.12.16 Non rileva la notifica della cartella
Scadenze Entro il 31 marzo 2017 deve essere presentato il modulo ed Equitalia dovrà rispondere entro il  31 maggio 2017
Rate da corrispondere le rate da 4 diventano 5 con l’obbligo di versare il 70% nel 2017 ed il 30% nel 2018 Chi già sta corrispondendo pagamenti dilazionati con Equitalia deve aver corrisposto tutte le rate dal 1.10.16 al 31.12.16
Esclusioni Le casistiche indicate all’art. 6, c. 10, D.L. 193/2016  
Oggetto rottamazione Tributi/contributi interessi e aggio Aggio calcolato sulle sanzioni tributarie indicate a ruolo o per gli atti consegnati a Equitalia
Contenziosi Nell’atto dell’adesione alla rottamazione si deve dichiarare di voler rinunciarvi  

                                                   

Articoli Correlati