In generale sugli atti tributariTARI

Ecco il modulo per il rimborso della TARI illegittima

Si può scaricare, gratuitamente, il modello per richiedere al Comune il rimborso

Con la Circolare n. 1/DF del Ministero dell’Economia del 20 novembre 2017 è arrivata l’ufficializzazione dell’illegittimo calcolo della TARI applicato da alcuni Comuni.

L’errore riguarda i criteri seguiti, in certi Comuni, per applicare la quota “variabile” del tributo locale TARI.

Tale tributo è formato da una quota “fissa” e da una quota “variabile”.

La prima è calcolata considerando i metri quadrati dell’immobile, con pertinenze. La seconda, invece, è “variabile”. Essa cambia in considerazione del numero degli occupanti dell’immobile e serve per parametrare il conto alla quantità di rifiuti prodotti.

Proprio tale parte “variabile”, precisa la Circolare, è l’elemento di illegittimità del calcolo del tributo locale. Il calcolo di tale “variabile” deve essere applicato una sola volta, anche quando l’appartamento è composta da pertinenze.

Un esempio (riportato nel ilsole24ore) può ben spiegare la questione:

                                            

calcolo errato   calcolo corretto
Abitazione Pertinenze Abitazione + pertinenze
Metri quadri 80 20 80 + 20
Parte fissa Mq 80 x €1,10 = €88 Mq 20 x €1,10 = €22 Mq 100 x €1,10 = €110
Parte variabile €163,27 €163,27 €163,27
Totale 88 + 163, 27 = €251,27 22 + 163,27 = € 185,27 NIENTE
Totale TARI € 436,54 € 273,27 (110 + 163,27)

Qui si allega il modulo da scaricare GRATUITAMENTE ed utilizzare per richiedere al Comune di accertare il calcolo illegittimo e, nel caso, il rimborso con annullamento in autotutela.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

otto + 19 =