PrescizioneTARITARSU

Sulla prescrizione dei Tributi Statali e Locali

Solo per i Tributi locali vi sono 5 anni di prescrizione

La CTR Lazio n. 310 del 23 gennaio 2018, è molto interessante ed utile perché, finalmente, da’ un chiaro inquadramento alla problematica della prescrizione dei tributi distinguendoli tra quelli Statali e quelli locali (come ben illustrato anche sul nostro servizio on-line [Prescrizione & decadenza]).

Orbene, la CTR innanzitutto, richiamando la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite (Cass. SS. UU. n. 23397/2016), precisa che:

  1. la non impugnazione dell’atto tributario non comporta la trasformazione del termine prescrizionale nel termine ordinario decennale (l’atto tributario è diverso dalla sentenza di condanna passata in giudicato di cui all’art. 2953 c.c.);

  2. tale principio espresso dalla Suprema Corte riguarda “tutti gli atti – in ogni modo denominati – di riscossione mediante ruolo o comunque di riscossione coattiva di crediti degli enti previdenziali, ovvero di crediti relativi ad entrate dello Stato, tributarie ed extratributarie, nonché di crediti delle Regioni, delle Provincie, dei Comuni e degli Enti locali, nonché delle sanzioni amministrative per la violazione di norme tributarie o amministrative e così via” (CTR Lazio n. 310/2018).

Successivamente, ben specifica la distinzione tra Tributi Statali e Tributi Locali che deriva dalla loro realtà ontologica.

In sostanza, la CTR chiarisce che SOLO per i Tributi Locali è applicabile la prescrizione quinquennale di cui all’art. 2948 n. 4 c.c. (“Si prescrivono in cinque anni : 4) gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi”).

Essi “si strutturano come prestazioni periodiche, con connotati di autonomia nell’ambito di una “causa debendi” di tipo continuativo, in quanto l’utente è tenuto al pagamento di essi in relazione al prolungarsi, sul piano temporale, della prestazione erogata dall’ente impositore o del beneficio ad esso concesso, senza che sia necessario, per ogni singolo periodo contributivo, un riesame dell’esistenza dei presupposti impositivi” (CTR Lazio n. 310/2018).

Quindi, i Tributi Locali hanno come presupposto la stessa obbligazione tributaria che viene ripetutamente “eseguita” annualmente.

Invece, per i Tributi Statali (Irpef, Ires, IVA, IRAP, eccetera) l’obbligazione tributaria nasce ogni anno.

L’art. 7, comma 1, D.p.r. n. 917/1986 (TUIR) prevede che:”L’imposta è dovuta per anni solari, a ciascuno dei quali corrisponde un’obbligazione tributaria autonoma”. Ecco il motivo per cui non è applicabile il termine quinquennale di prescrizione di cui all’art. 2948 n. 4 c.c. . Quindi, per i Tributi Statali si applica l’art. 2946 c.c. (“Salvi i casi in cui la legge dispone diversamente, i diritti si estinguono per prescrizione con il decorso di dieci anni”, si veda anche CTR Lazio n. 1528 del 09 marzo 2018).

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =