Rottamazione Bisrottamazione cartelleRuolo

Rottamazione bis, ecco come diminuire l’importo delle rate

Puoi scegliere tu le cartelle da rottamare

Anche per questa ultima istanza di definizione agevolata (la cosiddetta rottamazione bis) è possibile abbassare l’importo delle rate da pagare selezionando le cartelle, o avvisi, che non si vuole più corrispondere. In concreto, se nell’istanza di Definizione Agevolata avevate inserito diverse cartelle, ma ora, dopo la comunicazione del Riscossore, vi ritrovate con rate troppo oneroso ma non volete perdere lo sconto che vi propongono, lo potete fare. Anche per questa rottamazione Agenzia Entrate-Riscossione ha attivato il servizio CONTI TU.

Con tale servizio puoi selezionare, tra le cartelle indicate nella richiesta di Rottamazione quelle che NON VUOI rottamare. Poi il Riscossore ricalcolerà l’importo delle rate e tramite email ti invierà i bollettini rimodulati.

Questi però sono le condizioni e i termini:

1. Le cartelle indicate saranno quelle escluse,

2. La richiesta deve essere inviata ENTRO IL 31 LUGLIO 2018,

3. L’istanza di Rottamazione bis doveva essere stata inviata entro il 15/05/2018,

4. Devi indicare: codice fiscale, email di contatto, numero della comunicazione inviata dal Riscossore in risposta alla tua richiesta di Rottamazione bis.

 

Infine ricordiamo che:

– se non vi è ancora pervenuta la risposta alla vostra istanza di Rottamazione bis potete rivolgervi all’ufficio della’Agenzia delle Entrate Riscossione della vostra provincia,

– se prima dell’invio della definivizione agevolata avevate già una dilazione accettata, quest’ultima la potete attivare pagando semplicemente la ratta prossima della dilazione.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − quattro =