Notifica PEC

Cassazione: valida la notifica PEC con copia informatica senza firma digitale

Ecco il VADEMECUM per la notifica PEC

La Cassazione, con l’Ordinanza n. 30948 del 27 novembre 2019, ha statuito che il Riscossore può notificare tramite PEC una copia informatica (anche con copia di immagini) senza apporvi la firma digitale che ne garantisce la autenticità, la validità e la legalità. In buona sostanza, per la Suprema Corte l’Agenzia delle Entrate può notificare con la PEC una cartella in semplice formato “.pdf” (ma si veda anche Cass. n. 12850/2019).

Anche in riferimento a tale discutibile pronuncia del Supremo Consesso si vuole precisare e chiarire i termini e le definizioni della procedura prevista dal D.Lgs. n. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale: CAD).

Si riporta, pertanto un vademecum relativo alle norme che disciplinano il processo di notifica degli atti tributari: D.Lgs. n. 82/2005 (CAD); D.P.R. n. 68/2005, D.P.C.M. del 22 febbraio 2013 e D.P.C.M. del 13 novembre 2014.

VADEMECUM

Termini

Norme e giurisprudenza

Descrizione

DOCUMENTO INFORMATICO (o nativo digitale)

Art. 1, co. 1, let. p) e Art. 20, co. 1.bis del D.Lgs. n. 82/2005

Art. 1, let. f D.p.r. n. 68/2005

E’ quel documento elettronico che “archivia” (“contiene la rappresentazione informatica”), con apposizione di Firma Digitale, atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti.

DOCUMENTO ANALOGICO (cartaceo)

Art. 1, co. 1, let. P-bis) del D.Lgs. n. 82/2005.

E’ quel documento che “archivia” in modo tradizionale ( “contiene la rappresentazione NON informatica”) atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti.

FIRMA DIGITALE

Art. 71 del D.Lgs. n. 82/2005 e D.p.c.m. del 22/2/2013. Vedi anche Cass. SS. UU. n. 10266/2018 e Cass. SS. UU. n. 14917/2016

La firma digitale è l’equivalente informatico di una tradizionale firma autografa apposta su carta con le seguenti caratteristiche:

Autenticità: la Firma Digitale garantisce l’identità della sottoscrizione.

Integrità: la Firma Digitale assicura la immodificabilità del documento inviato.

Validità legale: la Firma Digitale da’ piena validità legale al documento inviato.

DUPLICATO INFORMATICO

Art. 1, co. 1, let. i-quinquies) del D.Lgs. n. 82/2005.

E’ quel documento ottenuto tramite rappresentazione informatica, con apposizione di Firma Digitale, del file originale (“sequenza di valori binari”).

Il duplicato informatico è paragonato al documento informatico. Entrambi sono detti “atti nativi digitali”

COPIA INFORMATICA DI DOCUMENTO ANALOGICO (cartacea)

Art. 22 del D.Lgs. n. 82/2005 e Art. 4 comma 3, D.p.c.m. del 13 novembre 2014

E’ quel documento informatico che si genera e si ottiene in formato “.pdf.” dopo aver effettuato la scansione di un documento cartaceo.

COPIA INFORMATICA DI DOCUMENTO INFORMATICO

Art. 23bis del D.Lgs. n. 82/2005 e art. 5 e art. 6 D.p.c.m. del 13 novembre 2014

E’ quella copia digitale del documento nato digitale con le seguenti caratteristiche:

– estratto dal fascicolo informatico;

– assenza di Firma Digitale.

COPIA ANALOGICA (cartacea) DI DOCUMENTO INFORMATICO

Art. 23 del D.Lgs. n. 82/2005.

E’ la trasformazione di un documento digitale in uno cartaceo. E’ la stampa di un file.

Tags

Articoli Correlati

One Comment

  1. Pingback: PTT | Soluzioni Al Debito - www.soluzionialdebito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + cinque =