CoronaVirus

Come chiedere i 600 euro?

Il Messaggio del'INPS precisa che a fine mese sarà pubblicato il modulo

L’articolo 27 e 28 del Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 ha previsto un’indennità pari ad €600,00 per il mese di marzo 2020. Le procedure per potere accedere a tale indennità non sono state ancora pubblicate, ma certo è che l’idea del Click-day è saltata.

Con questo articolo proviamo a dare un po’ di chiarezza su tale indennità di €600,00, anche considerando il Messaggio n. 1288 del 20 marzo 2020 dell’INPS. Per la spiegazione completa del Decreto “Cura Italia” CLICCA QUI.

Artt. 27 e 28

SPIEGAZIONE

Lavoratori autonomi e professionisti AMMESSI a tale indennità

In considerazione di tali due articoli possono aderire a tale indennità i seguenti soggetti:

1. liberi professionisti titolari di partita IVA, prima del 23 febbraio 2020 (art. 27, comma 1);

2. lavoratori con rapporti co.co.co., iscritti alla Gestione Separata INPS, ex art. 2, comma 26, Legge n. 335/1995(art. 27, comma 1);

3. lavoratori autonomi iscritti alla gestione dell’Ago (art. 28, comma 1).

Lavoratori autonomi e professionisti ESCLUSI da tale indennità

Da tale indennità SONO ESCLUSI:

1. i professionisti iscritti ad altre Cassa di previdenza diverse da quelle dell’INPS, ad esempio le Casse di previdenza degli Avvocati, Casse di previdenza dei Commercialisti, Casse di previdenza degli Architetti, eccetera (scelta curiosa e sbagliata, visto che tale intervento ha come fine quello di aiutare il tessuto professionale del Paese);

2. lavoratori con rapporti co.co.co. (anche se iscritti alla Gestione Separata INPS), già titolari di altre pensioni o iscritte ad altre forma di previdenza obbligatoria;

3. lavoratori autonomi iscritti alla gestione dell’Ago, già titolari di altre pensioni o iscritte ad altre forma di previdenza obbligatoria.

Chi emanerà tale indennità

L’INPS si occuperà ad erogare tale indennità nel mese di aprile 2020, si veda anche il sito dell’INPS.

Modalità con cui si potrà chiedere tale indennità

Ad oggi è escluso che vi sia un Click-day.

Per di più non sono chiari eventuali altre condizioni nei soggetti che vogliono richiedere tale indennità, ad esempio: calo del 33% del fatturato rispetto al mese precedente, dimostrare che il calo si collegato alla crisi attuale (chiusura locali, chiusura attività, eccetera).

Secondo anche il Messaggio INPS n. 1288/2020 la domanda dovrà essere inviata tramite il sito dell’INPS e i modelli per tale domanda saranno nessi a disposizione, sempre nel sito dell’INPS, entro fine del mese di marzo 2020.

Controlli dell’INPS

Secondo gli articoli 27 e 28 del D.L. n. 18/2020 l’INPS ha solo il compito di controllare che le domande, nel loro complesso, non superino i limiti di spesa indicato negli articoli 27 e 28 e, in particolare nell’art. 126

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 2 =