CoronaVirusPignoramenti Equitalia

D.L. Rilancio: sospesi i pignoramenti

Sono sospesi i pignoramenti anche di Comuni, Regioni e Provincie

Fino al 31 agosto 2020 sono sospesi i pignoramenti del Riscossore con oggetto stipendi o pensioni. Sono però attive le altre tipologie di pignoramenti.

Si vedano anche i chiarimenti pubblicati da Agenzia delle Entrate-Riscossione:

Il Decreto Legge “Rilancio” pubblicato, all’art. 152, stabilisce tale inefficacia dei pignoramenti, con effetto dall’entrata in vigore di tale decreto. Tale sospensione dei pignoramenti è rivolta non solo all’Agenzia delle Entrate-Riscossione, ma ai Comuni, Regioni o altri Enti locali.

Precisamente:

A QUALI PIGNORAMENTI PRESSO TERZI E’ RIFERITA LA SOSPENSIONE

Innanzitutto tale disposizione è relativa a PIGNORAMENTI iniziati prima dell’19 maggio 2020 (in qualsiasi data precedente) che ancora prelevano somme dallo stipendio o dalla pensione.

DUE MOMENTI TEMPORALI DA CONSIDERARE

Bisogna in quadrare due momenti temporali:

  1. prima dell’19 maggio 2020;

  2. dopo il 19 maggio 2020 fino al 31 agosto 2020

1. Le somme accantonate dal terzo per l’effetto del Pignoramento prima del 19 maggio 2020, NON ritornano nelle disponibilità del debitore pignorate. Possono quindi essere richieste dal Riscossore.

2. Le somme accantonate dal terzo per l’effetto del Pignoramento dopo il 19 maggio 2020, RIENTRANO nella disponibilità del debitore, fino al 31 agosto 2020. Il terzo deve ridare le somme accantonate al debitore.

ANCHE I PIGNORAMENTI EFFETTUATI DAGLI ENTI LOCALI

Tale effetto di sospensione non vale solo per Agenzia delle Entrate Riscossione, ma anche per i Riscossori che agiscono per Comuni, Regioni, provincie ed altri enti locali (quelli previsti dall’art. 53 del D.Lgs. n. 446/1997).

OGGETTO DI TALI PIGNORAMENTI PRESSO TERZI

Sono sospesi solo i pignoramenti presso terzi con oggetto: stipendi (o altri salari derivanti da rapporto di lavoro), pensioni, TFR (nonché TFM), altre indennità derivanti dalla cessazione del rapporto di lavoro (anche del licenziamento)

ALTRI EFFETTI DELLA SOSPENSIONE

Il terzo, inoltre, non è più obbligato a comunicare le somme che potrebbero essere pignorate. La norma chiaramente sospende “gli obblighi” derivanti dal pignoramento, quindi anche quelli diretti al terzo. Naturalmente per il periodo di tempo che va dall’entrata in vigore del D.L. Rilancio al 31 agosto 2020.

Il nuovo art. 152 del D.L. n. 34/2020, ora precisa che gli obblighi sospesi sono solo quelli dell’accantonamento.

Tags

Articoli Correlati

6 Comments

  1. Ho in busta paga due cessioni e un pignoramento da finanziamento.Domanda rientro no nel decreto rilancio e sono sospesi fino al 31/08/2020?Grazie

    1. Gentile Signore, la data della sospensione dei pignoramenti da Lei indicata è relativa solo a quelli del Riscossore (Agenzia delle Entrate-Riscossione), si veda l’art. 152 D.L. Rilancio. Francesco

  2. CIAO

    io ho fatta la domanda per bonus di 600 euro per mese di aprile ho recevoto 600 euro
    voglio chedere che per il mese di maggio anchora faccio un altra domanda
    si no basterà quista domanda di aprile gintelmete fati me sapere
    grazie
    cordiali saluti

    1. Gentile Utente,
      se Lei si è già iscritto, con il sito dell’ INPS per poter aver l’indennità per il mese di aprile e tale somma le è già stata accreditata, non deve riscriversi nuovamente per quella del mese di maggio 2020.
      Tuttavia l’indennizzo per il mese di maggio 2020 (pari ad €1000) viene solo erogato se vi è stato un danno pari almeno al 33% a causa della pandemia.
      Spero di esserLe stato utile.
      Francesco

  3. Buongiorno,
    ho un pignoramento di 1/10 nei confronti dell’Egenzia delle Entrate (euro 150,00) che viene recuperato direttamente dal cedolino paga dalla mia azienda dalle competenze del mese di febbraio 2020.
    Chiedo se questo si può sospendere sino al 31/08/2020. Dall’art.152 non capisco se sono solo quelli che iniziano a decorrere dal 20 maggio 2020.
    Ed inoltre se si deve sospendere la trattenuta dal mese di maggio l’importo mensile che si sarebbe dovuto trattenere va riproporzionato a 19 giorni (150,00/31*19)?
    Ringrazio molto se potessi avere una risposta celermente perchè la mia azienda sta già procedendo alla trattenuta relativa al mese di maggio e la sospenderebbe solo dalle competenze del mese di giugno.

    1. Gentile Utente,
      i pignoramenti sospesi dall’art. 152 del D.L. n. 34/2020 sono tutti quelli attivi o iniziati dal 18 maggio 2020, fino al 31 agosto 2020, con oggetto stipendi o altri emolumenti. Pertanto rientrerebbero anche i prelievi forzosi eseguiti nella Sua busta paga dal 19 maggio 2020 (non quelli dal mese di febbraio al mese di aprile 2020).
      Tuttavia, la norma non è chiara se tale effetto sospensivo sia automatico o deve essere sollecitato dal contribuente. Il nostro consiglio è di inviare una comunicazione al Riscossore e, per conoscenza la terzo, per poter avere tale sospensione.
      Le eventuali somme accantonate dal datore di Lavoro dal 19 maggio 2020 al 31 agosto 2020 devono essere restituite al lavoratore.
      Spero di essereLe stato utile
      Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × uno =