CoronaVirusServizi Online

CONVERTITO IL DECRETO FISCALE-LAVORO. Vedi quali cartelle hanno la proroga

Scarica Il Decreto Fiscale-Lavoro

Il Decreto Fiscale n. 146 del 21 ottobre 2021 (vedi anche la collegata Legge di Bilancio 2022, CLICCA QUI) ha introdotto diverse novità anche nel campo fiscale, che qui abbiamo schematizzato le principali.

*****

VERSAMENTO IRAP

Tra le principali novità si segnala, in primo luogo, l’ulteriore differimento al 31 gennaio 2022 del termine per avvalersi della regolarizzazione dei versamenti IRAP stabilita dall’art. 42-bis comma 5 del DL 104/2020.

PAGAMENTO CARTELLE

In materia di riscossione, è previsto che le cartelle di pagamento notificate dal 1° settembre 2021 al 31 dicembre 2021 siano pagate entro 180 giorni

AVVISI BONARI

Per gli avvisi bonari scadenti dall’8 marzo 2020 al 31 maggio 2020, il pagamento è posticipato al 16 dicembre 2021 e va eseguito in unica soluzione.

RATE ROTTAMAZIONE E SALDO E STRALCIO

Le rate da rottamazione dei ruoli e saldo e stralcio scadute nel 2020 e nel 2021 dovevano, invece, essere pagate in unica soluzione entro il 9 dicembre 2021 (che diventa il 14 dicembre 2021 con i 5 giorni di “tolleranza”).

DILAZIONI CON IL RISCOSSORE

Inoltre, per le dilazioni dei ruoli in essere all’8 marzo 2020, la decadenza si verifica con il mancato pagamento di 18 rate anche non consecutive.

IMU

Ai fini IMU è stabilito che nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili situati in Comuni diversi, è possibile beneficiare delle agevolazioni previste per l’abitazione principale (esenzione o aliquota ridotta e detrazione) per un immobile scelto dai contribuenti.

LIMITI AL CONTANTE

Dal 1° gennaio 2022 rimane il limite di €999,99 per i trasferimenti di denaro contante, a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, ma per l’attività svolta dai cambiavalute è invece ripristinata la soglia di 3.000 euro

NON IMPUGNAZIONE DI RUOLO

Si rinvia al seguente LINK, CLICCA QUI

*****

l Riscossore, inoltre, ha anche pubblicato una lista di domande e relative risposte sui principali dubbi e problemi di tale nuovo Decreto Fiscale n. 146/2021 (il cosiddetto FAQ).

*****

Scarica qui il Decreto Fiscale  relativo alle ultime novità sulla Rottamazione e sul Saldo e Stralcio nonché sulle dilazioni:

Scarica qui il FAQ del Riscossore sul nuovo Decreto Fiscale:

*****

Inoltre:

*****

Riportiamo anche una tabella con indicato la proroga delle prescrizioni e delle decadenze degli atti:

ATTI “che ripartono” per anno d’imposta

Scadenze (considera anche la nota a Piè di pagina)

avvisi di accertamento e atti di irrogazione delle sanzioni

avvisi di recupero dei crediti d’imposta

avvisi di liquidazione

EMISSIONE ATTI (sottoscrizione)

Tutti tali atti sospesi ed in scadenza dall’8 marzo ed il 31 dicembre 2020, (ex art. 157, co. 1, D.L. n. 34/2020 e art. 1 D.L. n. 7/2021*) devono essere sottoscritti (emessi) entro il 31 dicembre 2020 (si veda art. 1 D.L. n. 7/2021* e ed anche Cir. AE n. 25/E/2020). Il Rinvio è riferito a tutti gli enti impositori (tranne per gli Enti territoriali, ex art. 157, co. 7bis, D.L. n. 34/2020  art. 1 D.L. n. 7/2021*)

NOTIFICA ATTI

Gli atti che hanno la proroga della prescrizione della decadenza di 2 anni in questione (art. 4 D.L. 41/2021)* sono:

  • quelli affidati al Riscossore tra l’8 marzo 2020 ed il 31 dicembre 2021, a prescindere dal tipo di tributo (tributi erariali, tributi locali, eccetera).
  • Solitamente dovrebbero essere: periodo d’imposta 2015 oppure periodo d’imposta 2014 relativi a dichiarazioni omesse.

Gli avvisi, cosiddetti, bonari devono essere notificati tra il 1 marzo 2021 ed il 28 febbraio 2022 (art. 1 D.L. n. 3/2021 e Art. 1 D.L. n. 7/2021*). Si veda anche la Nuova Rottamazione degli avvidi bonari (CLICCA QUI)

Cartelle di pagamento

CONTROLLO AUTOMATIZZATO

Per i controlli automatizzati, ex art. art. 36bis D.p.r. n. 600/1973 ed art. 54bis D.p.r. n. 633/1972, l’art. 4 D.L. 41/2021 allunga il termine di per la notifica di tali cartelle di 24 mesi, ma sempre nel limite dell’art. 157 co. 3 D.L. n. 34/2020  : “dichiarazioni presentate nell’anno 2018″ (quindi anno d’imposta 2017).

Quindi devono essere notificate entro 24 mesi, le seguenti cartelle:

  • per l’anno d’imposta 2017 (Dich. 2018) entro il 28/02/2023* (termine ordinario era il 31/12/2020).

******

CONTROLLO FORMALE

Per i controlli formali, ex art. 36ter d.p.r. n. 600/1973 l’art. 4 D.L. 41/2021 allunga il termine di per la notifica di tali cartelle di 24 mesi (si veda anche art. 68, co. 4bis, let. b, D.L. n. 18/2020 ed art. 157 co. 3 D.L. n. 34/2020  e Art. 1 D.L. n. 7/2021*).

Quindi devono essere notificate entro 24 mesi, le seguenti cartelle:

  • all’anno d’imposta 2016 (Dich. 2017), entro il 31/12/2023*.
Avvisi di accertamento dei tributi locali 

Per le annualità dei tributi locali scadenti a fine anno si applica l’art. 67 del D.L. n. 18/2020  pertanto:

  • devono essere notificati dal 22 febbraio 2022*.
  • (in riferimento al termine di prescrizione e di decadenza scadenti nel 2020, considerando l’art. 67, co. 4, D.L. n. 18/2020 ed il richiamato art. 12 D.Lgs. n. 158/2015, tale termine è posticipato al 31/12/2022)

*Quadro normativo:

Con il Decreto Rilancio (art. 157, D.L. n. 34/2020) era stata disposta:

– la sospensione, fino al 31 dicembre 2020, della notifica dei principali atti impositivi, per i quali i termini di decadenza scadevano tra l’8 marzo 2020 ed il 31 dicembre 2020;

– la notifica degli atti nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021.

 

Il D.L. n. 3/2021 aveva prorogato di un mese il periodo della notifica degli atti (dal 1° febbraio 2021 al 31 gennaio 2022).

Con il successivo D.L. n. 7/2021 è stato ulteriormente spostato di un mese il periodo di notifica, fissandolo dal 1° marzo 2021 al 28 febbraio 2022.

Sia il D.L. n. 3/2021 sia il D.L. n. 7/2021 sono stati abrogati dall’art. 1 della legge n. 3/2021, di conversione del D.L. n. 183/2020. Sempre la Legge n. 3 del 26 febbraio 2021 ha inserito l’art. 22bis nel D.L. n. 183/2020 che, appunto, ha modificato l’art. 157 del D.L. n. 34/2020, inserendo che la notificazione degli atti sopra indicati potrà avvenire nel periodo compreso tra il 1° marzo 2021 e il 28 febbraio 2022.

Inoltre, il comma 6 dell’art. 157 stabilisce che “con uno o più provvedimenti del direttore dell’Agenzia delle Entrate sono individuate le modalità di applicazione del presente articolo”. Quindi in data 6 aprile 2021 è stato emanato il provvedimento n. 88314/2021.

Quindi ad oggi gli atti che dovevano essere normalmente notificati entro il 31/12/2020 sono stati prorogati fino il 28/02/2022, ma in modo illegittimo. La scadenza per la notifica degli atti e un termine decadenziale e per essere prorogato l’atto che rinvia il termine deve avvenire prima della sua scadenza. Quindi l’art. 1 della legge n. 3/2021 ed il provvedimento n. 88314/2021, avvenuti nel 2021, sono tardivi e quindi incapaci di prorogare il termine di notifica scadente, si ripete, al 31/12/2020. PER MAGGIORI INFO CLICCA QUI

Articoli Correlati

Back to top button