rottamazione cartelleRottamazione TerSaldo e Stralcio con Equitalia

Rottamazione: rata di febbraio al 7 marzo 2022

Rottamazione e proroga

Dopo la breve proroga della scorsa rata al 14 dicembre 2021, il legislatore non ha previsto altre proroghe o sospensioni. La prossima scadenza della Definizione Agevolata è il 28 febbraio 2022. Si ricorda, però, che è applicabile l’ulteriore termine di 5 giorni.

Quindi, considerando che la prossima scadenza sarà lunedì 28 febbraio 2022, aggiungendo i 5 giorni arriviamo a sabato 5 marzo 2022 e pertanto la scadenza finale del pagamento della rata slitta al 7 marzo 2022

Scarica qui l’estratto del testo approvato relativo alla modifica dell’art. 68 del D.L. n. 18/2020 (decreto Cura Italia).

Vi sono altre novitĂ , tra cui :

  1. la proroga per il versamento dell’IRAP;
  2. rimessione in termini per i pagamenti relativi ai controlli automatizzati e formali;
  3. disposizioni su pagamenti virtuali;
  4. modalitĂ  di pagamento delle condanne alle spese per l’Agenzia delle Entrate
  5. disposizioni sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

CLICCA QUI qui per scaricare l’intero testo del disegno di legge approvato in Senato.

*****

Riportiamo anche gli argomenti oggetto del Decreto fisco-lavoro, in fase di conversione, aggiornato per le scadenze delle rate della Rottamazione:

Rinvio pagamenti Rottamazione e Saldo e StralcioCome sopra indicato, è stato approvato l’emendamento che rinvia la scadenza del pagamento delle rate della Rottamazione e del Saldo e Stralcio al 9 dicembre 2021, che, valutando l’applicazione della possibilità di avere 5 giorni di proroga, la scadenza andrebbe al 14 dicembre 2021.
Considerando che la prossima scadenza è per il 28 febbraio 2022 + 5 giorni = sabato 5 marzo 2022. Quindi il termine ultimo sarà il 7 marzo 2022.
Sospensione dei pagamenti degli avvisi bonari dell’Agenzia della EntrateCon precedenti normative veniva stabilita la sospensione dei versamenti delle somme indicate negli avvisi bonari notificati dal 8 marzo al 31 maggio 2020. Tali somme dovevano essere corrisposte entro il 16 settembre 2020. Con emendamento approvato ora tali somme possono essere saldate fino al 16 dicembre 2021
Esenzione della tassa di rifiuto, per immobili e della Santa SedeE’ stato approvato un correttivo che prevede l’esenzione dal tributo in questione specifici immobili della Santa Sede, tra cui la basilica di San Paolo e San Giovanni in Laterano
Blocco alla possibilitĂ  di impugnare i ruoli del FiscoSi rinvia alla specifica News, CILCCA QUI

Articoli Correlati

Back to top button