CoronaVirusPignoramenti EquitaliaPignoramento Equitaliarottamazione cartelleRottamazione TerSaldo e Stralcio con Equitalia

Rottamazione e saldo e stralcio. Le rate del 2021 vanno pagate entro l’8 agosto 2022

La consulta, però, è contraria

Con la conversione il legge del Decreto Sostegni Ter (D.L. n. 4/2022), si veda anche il testo definitivamente approvato: A.C. 3522), sono state definitive approvate varie misure a sostegno di imprese, famigli e lavoro anche nel settore fiscale.

Tra queste la proroga delle scadenze delle rate della Definizione Agevolata (Rottamazione Ter e Saldo e Stralcio).

Il Riscossore, come è di norma, ha pubblicato un FAQ per dare chiarimenti sulle principali domande relative a tale novella legislativa. Tra queste vi è indicato:

  1. come richiedere i bollettini;
  2. come usare i bollettini giĂ  in possesso;
  3. gli effetti delle procedure esecutive sui pignoramenti (per altre info CLICCA QUI);
  4. cosa può fare il contribuente che prima del 2019 è decaduto dalla Rottamazione o dal Saldo e Stralcio

Scarica qui il FAQ di Agenzia delle Entrate Riscossione

*****

Si riportano le nuove scadenze della ROTTAMAZIONE e del SALDO E STRALCIO:

Anni di riferimentoNuove scadenze
Rate scadenti entro il 2020Da corrispondere entro il 30 aprile 2022
Rate scadenti entro il 2021Da corrispondere entro il 01 agosto 2022 (il 31 luglio 2022 è una domenica). Tuttavia, considerando i 5 giorni di tolleranza, la scadenza può essere protratta all’8 agosto 2022 (il 6 agosto 2022 è un sabato)
Rate scadenti entro il 2022Da corrispondere entro il 30 novembre 2022
Rate scadenti entro il 2019Non vi è proroga, ma il contribuente può chiedere una dilazione ordinaria (se chiesta entro la fine di aprile 2022, tale possibilità vale anche per chi è già decaduto da precedenti dilazioni). Per maggiori info, CLICCA QUI

*****

Il monito della Corte Costituzionale

Sempre in riferimento a tali Definizioni Agevolate, si precisa che la Corte Costituzionale, con la pronuncia n. 66/2022, ha ammonito il legislatore in riferimento a nuovi interventi di “rottamazione” o di “Saldo e stralcio” in riferimento al dovere dei cittadini di corrispondere i tributi.

Precisamente:

“5.2.– Resta però fermo che, nel nuovo contesto della riforma del sistema della riscossione pubblica, inaugurata nel segno di una maggiore efficienza, anche a seguito del monito contenuto nella sentenza n. 120 del 2021 di questa Corte, dall’art. 1, commi da 14 a 23, della legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2022 e bilancio pluriennale per il triennio 2022-2024), dovranno essere evitati interventi di “rottamazione” o “stralcio” contrari al valore costituzionale del dovere tributario e tali da recare pregiudizio al sistema dei diritti civili e sociali tutelati dalla Costituzione (sentenza n. 288 del 2019).”(Cost. n. 66 del 08/02/2022)

*****

Le ulteriori novitĂ  fiscali

Nella fase di conclusione delle modifiche alla Legge delega Fiscale, il Governo ha trovato un accordo con la maggioranza parlamentare confermando i seguenti punti

Regime forfettarioConfermata la aliquota al 15% con il tetto fino a €65.000,00, con un possibile “exit-tax” per la tassazione ordinaria.
IrapEsclusione dell’IRAP anche per le societĂ  di persone e per gli studi associati.
Cedolare seccaNuova aliquota del 23%, con possibilitĂ  di arrivare al 21%
Cashback fiscaleSi per il Cashback fiscale per alcuni beni, a partire dai farmaci

Articoli Correlati

Back to top button