Falsi dirigenti

CTP Forlì: ok atto firmato da delegato del falso dirigente

La Sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Forlì n. 273/2/2015 del 6 luglio 2015 ha dichiarato legittimo un avviso di accertamento sottoscritto da funzionario delegato da dirigente “decaduto”.

La tesi del Giudice di merito si basa su quella parte della Sentenza della Corte Costituzionale n. 37/2015 dove si precisa che la “funzionalità dell’Agenzia delle Entrate non è condizionata dalla validità degli incarichi dirigenziali previsti dalla disposizione censurata”, perché la stessa Agenzia può adottare atti a competenza dirigenziale tramite “l’istituto della delega” (Sent. Cost. n. 37/2015 par. 4.1. della motivazione). Pertanto, la CTP di Forlì ha dichiarato valido l’avviso di accertamento sottoscritto da funzionario, delegato da dirigente “decaduto”.

Tra le tante sentenze sull’argomento indichiamo:

PRO FISCO

CTR L’AQUILA n. 576/01/2015; CTP GORIZIA n. 63/01/2015; CTP MACERATA n. 150/02/2015 e CTP PESARO n. 309/01/2015 .

PRO CONTRIBUENTE

CTR LOMBARDIA n. 2842/01/2015; CTR LOMBARDIA n. 2184/13/2015 del 19 maggio 2015; CTP FROSINONE n. 414/02/2015 del 15 maggio 2015 (specifica sulla delega conferita da “falso” dirigente); CTP PALERMO n. 3350/10/2015; CTP LECCE n. 1789/02/2015; ctp campobasso n. 784/03/2015; CTP MILANO n. 3222/25/2015; CTP BRESCIA n. 277/01/2015.

Articoli Correlati