Agenzia delle Entrate Riscossione

All’Agenzia delle Entrate non vanno le spese di lite

Nel caso in cui l’Agenzia delle Entrate si costituisca in giudizio personalmente o con proprio dipendente, il contribuente perdente in giudizio non può essere condannato anche la pagamento delle spese legali sostenute dall’Agenzia stessa (Cass. n. 27444 del 01 dicembre 2020).

*****

L’Agenzia delle Entrate, non può ottenere la condanna dell’opponente, che sia soccombente, al pagamento dei diritti di procuratore e degli onorari di avvocato, perché, se sta in giudizio con un dipendente, vi è difetto delle relative qualità nel funzionario amministrativo che sta in giudizio.

Per cui sono, al più, l’Agenzia delle Entrate può solo pretendere il rimborso delle spese generali se supportate da specifica ed apposita nota spese (si veda anche News del 25 febbraio 2020).

Precisamente la Cassazione ha statuito:

  • “Il secondo motivo è fondato, con assorbimento del terzo e del quarto motivo, in quanto come risulta dall’intestazione della sentenza di secondo grado l’Agenzia delle Entrate è stata in giudizio senza il ministero di difensore e quindi deve escludersi che la parte privata possa essere condannata al pagamento delle spese processuali sostenute dall’Ufficio per diritti e onorari”.

Articoli Correlati

Back to top button