Cartelle di pagamentoDilazionirateazioniSenza categoria

L’intimazione di pagamento va motivata

L’intimazione di pagamento deve essere motivata da Equitalia, in particolar modo se la pretesa di pagamento è determinata dalla decadenza della rateazione (a maggior ragione se il contribuente ha chiesto anche una proroga all’istanza di dilazione).

Ebbene, la CTP di Bari n. 1388 del 15 aprile 2016 ha affermato che l’Agente della riscossione in caso di intimazione di pagamento deve obbligatoriamente specificare, quindi motivare, che al contribuente è stata concessa la dilazione e che la stessa è poi decaduta.

Precisamente, per i Giudici è onere dell’Equitalia, che intenda avvalersi della decadenza dalla dilazione per richiedere il pagamento del residuo, specificare per quali motivi la rateazione sia decaduta. Ciò, perché il rapporto tra il contribuente e l’Agente della riscossione deve essere ispirato al principio di collaborazione, di buona fede e di trasparenza degli atti tributari.

Articoli Correlati