In generale sugli atti tributariIvaRegime Minimi

Fattura elettronica per tutti

Fattura elettronica per tutti

Il Decreto Legge n. 36/2022 prevedeva che, a decorrere dal 1 gennaio 2024, l’obbligo di emissione della fattura elettronica deve essere applicato dalla generalità dei soggetti IVA, a prescindere dall’ammontare dei ricavi o compensi conseguiti e dal regime adottato.

Le uniche operazione per le quali sarà ancora possibile emettere fattura in formato cartaceo saranno solo quelle eseguite con soggetti esteri.

Inoltre, per le prestazioni sanitarie le persone fisiche (no soggetti IVA) non sarà necessaria l’emissione della fattura elettronica, è stata prevista la proroga anche per l’anno 2024.

***

Potete Seguirci anche con:

WP

TELEGRAM

***

Analizziamo le parti più rilevanti:

SOGGETTI OBBLIGATI ALLA FATTURAZIONE ELETTRONICA NEL 2024L’art. 18 del D.L. n. 36/2022 ha sospeso la norma che prevede alcune ipotesi di esonero dall’obbligo della fatturazione elettronica e, pertanto, a decorrere dal 01 gennaio 2024 anche questi soggetti dovranno adottare la fatturazione elettronica:
A. I contribuenti, cosiddetti, minimi di cui all’art. 27, co. 1 e 2 del D.L. 98/2011 (ancora in essere);
B. I contribuenti, cosiddetti, forfettari di cui all’art. 1 co da 54 a 89 della Legge 190/2014;
C. Le società enti ed associazione in regime forfettario di cui alla legge 398/1991.
OBBLIGHI DOVUTI DA FATTURAZIONE ELETTRONICAL’obbligo di emettere la fattura elettronica comporta:
1. Il contribuente deve obbligatoriamente adottare il sistema di fatturazione tramite trasmissione con SDI, a prescindere dai ricavi o compensi;
2. Per i cedenti o prestatori (quindi di contribuenti minimi, forfettari e società, enti o associazioni in regime forfettario) devo avere il codice identificativo e di conservare le fatture emesse e trasmesse allo SDI;
3. Per gli acquirenti o committenti (titolari di partita IVA) devono acquisire e conservare tramite propri sistemi contabili le fatture elettroniche ricevute tramite SDI e fornire al proprio cedente o prestatore il proprio codice identificativo;
4. Per gli acquirenti o committenti (NON titolari di partita IVA) possono ricevere la fattura di cortesia e possono consultare le fatture elettroniche nella propria area riservata nel sito dell’Agenzia delle Entrate (D.L. n. 145/2023)
ESCLUSIONE DALLA FATTURAZIONE ELETTRONICACome già nel 2023 anche per il 2024, risultano escluse, dall’obbligo di emissione della fattura elettronica, le fatture emesse per operazioni con l’estero (d eccezione delle operazioni svolte con la Repubblica di San Marino).
Per tali operazioni può essere ancora emessa la fattura cartacea (il contribuente però può sempre scegliere di emetter la fattura elettronica).
PRESTAZIONI SANITARIEPer le prestazioni sanitarie a favore di persone fisiche NON possono essere emesse in formato elettronico.
Questo a seguito di dubbi sollevati dal Garante della Privacy in merito al trattamento dei dati sanitari con le fatture elettroniche.
Per tali prestazioni, quindi, vige, proprio, il divieto di emettere fattura elettronica e deve essere emessa la fattura (o ricevuta) cartacea.

*** l’immagini di questo articolo è stata estratta dal sito pixabay

Articoli Correlati

Back to top button